Gli uomini che presentano azoospermia non ostruttiva sono lo scenario clinico più impegnativo per una coppia infertile. L’iniezione intracitoplasmatica dello sperma (ICSI) con recupero dello sperma testicolo offre una possibilità per la paternità biologica una volta recuperato gli spermatozoi ma il tasso di recupero dello sperma (SSR) sì aggira intorno al 50%. Gli spermatozoi generalmente sono stati recuperati dai testicoli con la c-TESE, o tecniche come l’aspirazione dello spermatozoo testicolare (TESA), una combinazione di aspirazione dell’ago fine testicolare (TfNA)/c-TESE, microdissezione testicolare (TM) e mappatura testicolare aperta (OTEM) 

La tecnica TESA viene eseguita dal 1996 per via percutaneo utilizzando un ago di calibro 21-23 e una siringa per aspirare i tubuli testicolari. Poi nel 1999 i ricercatori hanno pubblicato l’uso di TfNA combinato con c-TESE per il recupero dello sperma. E nel 1999, Peter Schlegel ha proposto un approccio microchirurgico per identificare aree di produzione di sperma più probabili all’interno del testicolo che potrebbero essere asportate con migliore precisione e meno tessuto. OTEM è un approccio di biopsia multipla, pubblicato nel 2020 da Vieira senza bisogno di microscopio chirurgico. Tale metodo è diventato lo standard d’oro per il recupero dello sperma, consentendo una percentuale di recupero di spermatozoi superiore con rimozione minima dei tessuti.