I risultati di uno studio pubblicati sul Journal for ImmunoTherapy of Cancer hanno mostrato che i pazienti oncologici con un alto indice di massa corporea (BMI) possono vivere significativamente più a lungo dei pazienti normopeso quando la somministrazione dell’inibitore del checkpoint immunitario (ICI) è basata sul peso, non standardizzata.

Lo studio ha incluso quasi 300 pazienti con cancro ai reni, ai polmoni, alla testa e al collo, nonché melanoma. Nella popolazione complessiva, c’è stata una tendenza verso una migliore sopravvivenza globale (OS) tra i pazienti in sovrappeso (BMI ≥25) che ricevevano terapia ICI, tuttavia, questo beneficio sulla sopravvivenza era limitato ai pazienti che ricevevano una somministrazione basata sul peso. Anche quando si è tenuto conto delle differenze nei tipi di tumore e di trattamento, i pazienti in sovrappeso hanno vissuto il doppio del tempo rispetto ai pazienti normopeso se hanno ricevuto una somministrazione che teneva conto dell’indice di massa corporea, mentre non c’era differenza se ricevevano l’immunoterapia a dose fissa.