L’integrazione di testosterone riduce significativamente gli attacchi di cuore e gli ictus negli uomini con livelli innaturalmente bassi dell’ormone, secondo una nuova ricerca presentata al congresso della European Association of Urology.

Lo studio decennale ha coinvolto oltre 800 uomini dalla Germania e dal Qatar con carenza di testosterone, la cui storia familiare, pressione sanguigna, livelli di colesterolo, diabete o peso li ha messi a rischio più elevato di infarto o ictus.

Solo gli uomini con livelli di testosterone inferiori alla norma, che hanno anche mostrato sintomi come umore depresso, diminuzione dell’appetito, disfunzione erettile, perdita della libido o aumento di peso, sono stati inclusi nella ricerca.

Poco più della metà degli uomini ha optato per una terapia sostitutiva di testosterone a lungo termine, permettendo ai ricercatori di confrontare questo gruppo con quelli la cui condizione è stata lasciata non trattata. Tutti sono stati incoraggiati a fare cambiamenti nello stile di vita, in termini di dieta, alcol, fumo ed esercizio fisico, per migliorare la loro salute cardiovascolare.

Dei 412 uomini in terapia con testosterone, 16 sono morti e nessuno ha subito un attacco di cuore o un ictus. Dei 393 uomini che hanno scelto di non prendere il testosterone, 74 sono morti, 70 hanno avuto un attacco di cuore e 59 hanno subito un ictus. Per gli uomini sotto i 55 anni, il rischio di infarto e ictus è stato ridotto del 25%; per gli uomini sopra i 60 anni, il rischio è stato ridotto del 15%.

La salute degli uomini in terapia con testosterone è migliorata anche da altre misure. Hanno perso peso, hanno avuto più massa muscolare magra, il loro livello di colesterolo e la funzione epatica sono migliorati, il loro diabete era meglio controllato e la loro pressione sanguigna è scesa.

Il professor Omar Aboumarzouk, della Hamad Medical Corporation in Qatar, spiega: “Dato che tutti questi uomini avrebbero dovuto subire un attacco di cuore o un ictus nei prossimi cinque-dieci anni, senza altri interventi, è stata una vera sorpresa vedere che non ci sono stati eventi cardiovascolari nel gruppo in terapia con testosterone. È chiaro che questo trattamento può ridurre significativamente i rischi in questo particolare gruppo”.

“Per quelli ad alto rischio di infarto e ictus, che sono carenti di testosterone, è probabile che riportare l’ormone a livelli normali li aiuti a massimizzare i benefici di altri passi necessari per migliorare la loro salute generale. Questo include aumentare i livelli di esercizio fisico, mangiare cibi più sani, smettere di fumare e ridurre il consumo di alcol.

Il dottor Maarten Albersen, membro dell’ufficio scientifico dell’EAU, dell’Università di Leuven in Belgio ha però precisato: “I rischi o i benefici cardiovascolari a lungo termine della terapia con testosterone non sono ancora chiari, a causa dei risultati contrastanti delle ricerche precedenti. Questo nuovo studio ha dimostrato una riduzione degli eventi cardiovascolari maggiori e della mortalità negli uomini che hanno ricevuto la terapia con testosterone, rispetto agli uomini che hanno scelto di non ricevere questo trattamento.

Tuttavia, questi erano uomini con un rischio medio di infarto o ictus, e quelli che ricevono testosterone erano più giovani e avevano un rischio leggermente inferiore all’inizio dello studio. 

Condividi questo articolo...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin