Prostata, l’intervento oncologico può accorciare il pene


Il tumore alla prostata conta circa
34800 nuovi casi l’anno e l’intervento chirurgico rappresenta il gold standard nel trattamento , questo porta nell’uomo una certa inquietudine per il timore di ripercussioni sia sulla virilità (in quanto i nervi che danno l’impulso all’erezione possono essere danneggiati durante l’intervento di rimozione del cancro nonostante le nuove tecniche ‘never sparing’ e la chirurgia robotica che hanno migliorato l’impatto degli effetti avversi) e sia dell’incontinenza urinaria


Oltre a questi, l’intervento presenta un altro effetto indesiderato che consiste in un accorciamento del pene a causa di una peggiore circolazione del sangue a livello dei corpi cavernosi, la mancanza di ossigeno e nutrimento apre allo sviluppo di placche di tessuto fibrotico che impattano negativamente sull’ elasticità dei tessuti. Il risultato finale è un accorciamento che negli anni può arrivare a qualche centimetro.


Gli esperti della Sexual Medicine Society of North America lo hanno quantificato in 1 centimetro l’anno, fenomeno che ha portato ad una richiesta crescente di interventi di protesi idraulica.


Un piccolo dispositivo posto nello scroto che permette di contrastare il processo fibrotico di accorciamento e ripristinare una soddisfacente attività sessu
ale (dati di letteratura 98% dell’uomo e del 95% della donna).
La decisione viene presa sei mesi dopo la prostatectomia per verificare se la funzione erettiva è conservata. 


L’intervento chirurgico per l’impianto protesico può essere eseguito in un Day Surgery e prevede una incisione chirurgica di pochi centimetri. Il dispositivo è invisibile e può essere attivato dall’uomo con una lieve pressione della pompa posta nello scroto


Nei casi più lievi di disfunzione erettile post intervento di prostatectomia radicale si può optare per una sorta di riabilitazione con dispositivi medici e l’uso di farmaci come gli inibitori della fosfodiesterasi, più noti con i nomi commerciali di Viagra, Cialis, Levitra e Spedra  da assumere sotto prescrizione medica.

Condividi questo articolo...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin